Impianto Denon

Il Denon Premium Sound Sistem è un sistema avanzato di ascolto di serie sull’allestimento Ultimate e altrimenti disponibile a richiesta come optional.
Esso prevede 8 altoparlanti ed un subwoofer in grado di esaltare la qualità dell’audio oltre il già apprezzabile livello del sistema di base previsto.

Attenzione però!
Opel ha scelto di alloggiare il subwoofer dell’impianto Denon nel vano destinato al ruotino di scorta, pertanto i 2 optional risultano incompatibili escludendosi a vicenda.

Ovviamente, avendo il Denon di Serie su Ultimate, non è in alcun modo possibile richiedere un ruotino di scorta su tale allestimento a meno di volerlo trasportare come bagaglio extra.

Sedili in pelle e climatizzazione

Forse non tutti sanno che il Pack opzionale relativo ai sedili in pelle include anche la possibilità che sugli stessi si possa gestire sia il riscaldamento che il rinfrescamento.

Si tratta di una possibilità non perfettamente chiarita nel configuratore Opel ma che alcuni utenti hanno scoperto in prima persona avendo acquistato il Pack.

Advance e l’illuminazione del bagagliaio

Che la cosa sia adeguatamente chiara o meno presso concessionari e manuali d’uso, resta un fatto: L’allestimento Advance è sprovvisto di luce nel bagagliaio.

Tuttavia in giro per la rete, gli utenti hanno trovato il modo di risolvere il problema in modo economico e indolore per la vettura, sfruttando una predisposizione comunque esistente nel vano bagagli dell’auto.

Il link di approfondimento seguente (box giallo) rimanda alla spiegazione di come alcuni utenti, con poche decine di euro, hanno eseguito la modifica.
Naturalmente si tratta di soluzioni adottate dai rispettivi proprietari sotto la propria responsabilità.

Fari di serie ed aftermarket

Quello dell’aftermarket è un terreno assai insidioso soprattutto quando, oltre alla fornitura del ricambio non originale, ci si avventura anche nella ricerca della soluzione che va ad alterare il componente nella sua tipologia di funzionamento.

E’ quanto succede per tutti coloro che si chiedono se sia possibile acquistare una vettura con fari “normali” per poi trasformarli in Full-Led in un secondo momento.
Naturalmente è qualcosa che la casa madre sconsiglia nel modo più categorico, che verrebbe fatta a proprio rischio e pericolo e, nella maggior parte dei casi, porterebbe a conseguenze legate alla non omologazione della modifica fatta.
E’ poi evidente che il tutto abbia un impatto non positivo sulla garanzia dell’auto.

Tuttavia, per coloro che hanno tutto questo ben chiaro e, comunque, si chiedono se la cosa sia tecnicamente fattibile o meno, abbiamo rilevato in rete alcuni utenti che hanno approfondito l’argomento giungendo a delle possibili soluzioni.

Illuminazione interna

Quello dell’aftermarket è un terreno assai insidioso soprattutto quando, oltre alla fornitura del ricambio non originale, ci si avventura anche nella ricerca della soluzione che va ad alterare la tipologia del componente originario.

E’ quanto succede per tutti coloro che si chiedono se sia possibile sostituire le lampadine dell’illuminazione di cortesia con lampade led.
La casa madre probabilmente sconsiglierebbe operazioni del genere lasciandole al rischio e pericolo di chi le compie, presumibilmente svincolandosi dalle condizioni di garanzia sottoscritte.

Tuttavia, per coloro che hanno tutto questo ben chiaro e, comunque, si chiedono se la cosa sia tecnicamente fattibile o meno, abbiamo rilevato in rete alcuni utenti che hanno approfondito l’argomento giungendo a delle possibili soluzioni.

Indicatore della temperatura

Diversi utenti hanno segnalato una stranezza sul cruscotto della Grandland X: l’indicatore della temperatura in alto a sinistra nel cruscotto appare di colore grigio invece che bianco come tutti gli altri.

I primi utenti hanno pensato ad un difetto nella propria vettura ma, abbiamo potuto appurare che l’indicatore si presenta in quel modo su tutte le Grandland: quindi non si tratta di difetto ma di una, seppur poco comprensibile, scelta costruttiva.

Sarà interessante verificare nel tempo se gli indicatori dei modelli futuri verranno uniformati oppure se verrà fornita una motivazione per questa bizzarra scelta.

Start&Stop

Come è noto, il sistema Start & Stop può essere disattivato per venire incontro a particolari condizioni di guida in cui il continuo spegnersi e riaccendersi del motore potrebbe non essere una scelta ottimale.

Quello che non tutti sanno è che tale disattivazione non è permanente a ragion veduta: trattandosi di un sistema per ridurre l’inquinamento, viene considerato un “must” di base della vettura, pertanto, ad ogni riavvio della vettura, il suo funzionamento normale verrà ripristinato.

Sensori di pressione iTPMS

A differenza dei sistemi TPMS attivi o diretti, i sensori indiretti iTPMS devono la loro economicità alla totale assenza di nuovi componenti aggiuntivi sull’auto.
Si tratta di una tecnologia software molto piu economica dei sensori TPMS (e senza manutenzione) che analizza i dati provenienti da sensori già installati sull’auto e condivisi da ABS ed ESC.

Con questo tipo di sistema la pressione degli pneumatici viene “rilevata” non in valore effettivo ma da una analisi legata al numero di giri della ruota in un dato intervallo di tempo. Il principio, in parole povere, è che una ruota sgonfia fa più giri rispetto ad un valore di riferimento e, analogamente, una ruota troppo gonfia ne fa meno.
In uno scenario di questo genere è intuibile che, a veicolo fermo, non sarà possibile verificare la pressione degli pneumatici.

Nell’abitacolo dell’auto è presente un pulsante di reset che ha la funzione di fissare il valore di riferimento ogni qual volta che gli pneumatici vengono portati alla corretta pressione.

Ruotino di scorta

Al momento dell’acquisto della vettura e della scelta degli optional ci si trova spesso a dover valutare cosa davvero serve e cosa davvero conviene.

Uno dei dubbi più comuni riguarda la decisione tra il Kit di riparazione gomma (di serie) e la Ruota di scorta (optional) alla quale tanti preferiscono non rinunciare nonostante il mercato spinga sempre più verso il connubio Kit-Assistenza, il primo per tutelarsi in caso di forature semplici, la seconda per problemi più gravi dato che ormai è prevista nella maggior parte dei programmi di assistenza e/o coperture assicurative.

Forse però non tutti i neo acquirenti sanno che Grandland X prevede, in ogni caso, un alloggiamento per la ruota di scorta posto nel fondo del bagagliaio, anche nei casi in cui non si richieda tale optional. Questo fa si che l’utente possa evitarne l’acquisto in prima battuta tenendo il Kit di serie e valutare in un secondo momento l’acquisto di una ruota/ruotino magari in caso di particolari offerte o presso la propria officina di fiducia.

Attenzione: l’unico impedimento all’adozione di una ruota di scorta è la presenza del sistema audio Denon il cui subwoofer ne occupa purtroppo l’alloggiamento

Pneumatici

Opel ha previsto diversi pneumatici come allestimento delle vetture Grandland X prodotte fino ad oggi.

Di serie le vetture sono equipaggiate con pneumatici Michelin Primacy 3 di ottima resa sia sull’asciutto che sul bagnato, pur non essendo omologati come “dotazione invernale” (comunemente detti “estivi”).

Le vetture dotate dell’optional All Road Pack montano invece degli pneumatici Continental ContiCrossContact LX2 M+S, ovvero una soluzione 4 stagioni, omologata anche per l’inverno con la specifica Mud+Snow.